SEZIONI NOTIZIE

La presentazione di Simeone: ecco le sue prime dichiarazioni ufficiali

di Nicola Adamu
Fonte: centotrentuno.com
Vedi letture
Foto

Alle ore 18.30 è iniziata nella sala stampa del Sardegna Arena la conferenza stampa di presentazione dell'attaccante Giovanni Simeone. Queste le risposte del Cholito alle domande dei giornalisti presenti.

Sull'approccio con la nuova realtà: “Accaduto tutto velocemente, dal primo giorno in cui sono arrivato sono stato felice perché sapevo che avevo fatto la scelta giusta. Ho fatto le cose velocemente per essere pronto per la partita. Sono molto contento della prestazione della squadra di ieri, ho visto entusiasmo di pubblico e stadio”.

Sulla posizione in campo: “Ho sempre cercato di giocare dentro l’area anche con un altro attaccante: ho già giocato con Pavoletti al Genoa e posso giocare ovunque. Cerco di adattarmi ai miei compagni e mi metto a disposizione del mister: quando sono stato chiamato mi hanno detto che c’era la possibilità di giocare con Leonardo, posso fare entrambe le cose”.

Sulla scorsa stagione: “Quando fai bene le aspettative crescono: dopo l’anno col Genoa e il primo con la Fiorentina con tanti gol, la gente si aspettava tanto ma non per questo è stata una cattiva stagione. Mi ero messo l’obiettivo di giocare in Nazionale sin da piccolo e ho realizzato quel sogno, segnando all’esordio. Quando l’attaccante non fa gol si abbassa un po’ il livello e non ho avuto grande spazio: ho imparato tanto negli ultimi sei mesi rispetto ai primi tempi in cui forse non vedevo la realtà. Ma io mi sento lo stesso Giovanni di un tempo”.

Sul suo nuovo compagno Nandez: “Conosco Nahitan perché l’ho affrontato in Nazionale e ho già litigato con lui (ride ndr). C’è un bell’ambiente armonioso, c’è entusiasmo: ho cercato subito casa per essere tranquillo e dedicarmi al campo tranquillamente”.

Sul padre Diego Pablo: “Mi aveva raccontato della partita amichevole dell’anno scorso e mi aveva detto che era una bella squadra: quando ho raccontato che sarei venuto qua era molto contento”.

Sull'addio a Firenze e sulla scelta di Cagliari: “Il mercato è stato lungo, lasciare Firenze non è stato facile perché ho passato momenti importanti al di là del calcio: quello che è successo con Davide mi ha toccato molto e per i momenti passati in città. Non li dimenticherò mai e non è stato facile, ma allo stesso tempo non è stato difficile scegliere di venire qui: ho sentito subito un grande affetto e qui mi volevano tanto. Per questo ho detto che era una scelta di cuore: avevo altre opzioni, ma Cagliari mi ha voluto fortemente. Quando ti fanno sentire che sei importante, è una cosa che supera tutto”.

I propositi: “Cercherò di dimostrare le mie qualità, chiaro che Pavoletti ha caratteristiche diverse ma saprò adattarmi alla squadra e non che la squadra si adatti a me”

Ancora sul papà Cholo: “A mio padre piace stare vicino ai suoi figli, lo vedremo presto qui”

Sulla piazza cagliaritana: “Qui c’è molto entusiasmo e ci sono molte aspettative: non è sempre detto che con i grandi giocatori si fanno grandi cose, ma i risultati arriveranno ne sono sicuro. Penso che l’obiettivo sarà quello di combattere contro tutti”.

Sulla sua crescita personale: “Mi piace crescere e mettermi degli obiettivi e delle sfide: quando uno sa che può dare il massimo deve dar tutto. Mi sento ancora giovane, devo ancora crescere e farmi vedere: devo sentirmi a casa e per quello scelgo le migliori opzioni. A Genoa e alla Fiorentina ero a casa ed ho scelto Cagliari per questo motivo”.

Su Astori: “Con Davide ho tanti ricordi: ci ho pensato venendo qui a Cagliari sull’aereo perché lui è stato qui tanti anni. Per me è un ricordo indelebile: il ricordo più bello è di quando finivano le partite e lui parlava. Tutti lo ascoltavamo e cercavamo di prendere i suoi insegnamenti: era un po’ il nostro padre e parlava con semplicità e col sorriso”.

Sul Cagliari: “Credo che siamo forti, credo in questa squadra: so che si possono fare tante belle cose al di là delle due sconfitte. Si vede la professionalità e l’entusiasmo di tutti, cose che si sono viste anche ieri. L’Inter aveva dominato nella prima giornata e noi li abbiamo messi in difficoltà; dobbiamo prendere queste buone cose”.

Sulla Nazionale albiceleste: “Quello che vorrei, per me è stato molto importante essere convocato. Mi ha fatto crescere molto e questo penso sia un momento importante per la mia carriera: andare in Nazionale mi farebbe crescere ancora di più”.

Sugli episodi di razzismo: “Onestamente non ho sentito niente dal campo, poi nei social ho visto di questa situazione: mi dispiace non deve succedere e chi l’ha fatto sono delle persone ignoranti. Sicuramente sono stati pochi individui”.

Ancora sulla Selecciòn: “Quello che vorrei, per me è stato molto importante essere convocato. Mi ha fatto crescere molto e questo penso sia un momento importante per la mia carriera: andare in Nazionale mi farebbe crescere ancora di più”.

Altre notizie
Giovedì 28 maggio 2020
21:44 News Ripartenza Serie A, Zenga: "Pensiamo alle cose positive, non alle difficoltà" 21:26 News Seduta pomeridiana alla Sardegna Arena, focus su difesa e palle inattive 21:24 Primo piano La Serie A torna il 20 giugno! Si riparte il 13/14 con la Coppa Italia
Mercoledì 20 maggio 2020
00:13 Primo piano Ufficiale: nuovo stadio, firmato l’accordo con Sportium
Venerdì 08 maggio 2020
21:35 News Passetti: "Pronti a ripartire, importante l'aspetto psicologico" 21:24 News Ripresa del calcio, Sottosegretario Salute Zampa ribadisce: "Individuata una strada di enorme sicurezza" 21:14 Calciomercato Caccia al sostituto di Pellegrini: spunta Vina del Palmeiras 21:13 Calciomercato Dal Messico assicurano: in arrivo un'offerta per Jonathan Rodriguez 20:00 Primo piano Il Cagliari prepara la ripresa: lunedì verranno eseguiti i tamponi per giocatori e staff tecnico
Mercoledì 04 marzo 2020
17:46 Primo piano Zenga si presenta: "Dobbiamo ritrovare l'entusiasmo e far tornare la gente allo stadio"
Martedì 03 marzo 2020
20:09 News UFFICIALE: Lavecchia nuovo mister della Primavera 14:46 Primo piano UFFICIALE - Cagliari affidato a Walter Zenga fino al 2021. Canzi sarà il vice
Domenica 01 marzo 2020
21:21 News Nainggolan: "Quando i risultati sono questi, bisogna solo stare zitti" 21:06 News Maran: "La Roma ci ha punito, ma non abbiamo mollato" 21:01 News Fonseca: "Vittoria meritata, il Cagliari non ha creato grandi occasioni" 19:54 Primo piano TRE MESI SENZA I TRE PUNTI: ALL'ARENA PASSA ANCHE LA ROMA 17:30 Primo piano Cagliari-Roma 3-4, RIVIVI IL LIVE
Sabato 29 febbraio 2020
13:57 Primo piano Maran: «In campo tutte le nostre energie, daremo il massimo» 13:52 Primo piano I convocati per la Roma: out Ceppitelli, torna Rog
Domenica 23 febbraio 2020
10:43 Primo piano Allarme Coronavirus, si ferma anche la Serie A: rinviata Verona-Cagliari