Cagliari-Atalanta, le pagelle: Joao Pedro dà qualità, esordio amaro per Thereau

di Federico Paparusso
Vedi letture
Foto

Cragno 6 - Serata senza grossi patemi: una bella parata nel primo tempo, non può nulla sul gol di Hateboer. 

Romagna 6,5 - Sicurezza da veterano, grande abilità nel gioco aereo e una consapevolezza che monta. Una realtà molto importante del calcio italiano. 

Ceppitelli 7 - Gara superlativa al cospetto del centravanti più temibile della Serie A: Zapata non riesce a girarsi, non conclude e in generale vive una serataccia. 

Pisacane 6,5 - La sua posizione è la più ibrida per Maran: terzino in fase di possesso, centrale in grado di raddoppiare su Zapata, quando la palla è della Dea. 

Faragò 6 - Si vede poco, sempre attento a tenere le giuste distanze tra attacco e difesa, a non sbilanciare sè stesso e la squadra. La fase costruttiva ne soffre. 

Deiola 6 - Non ha nulla da invidiare a Barella dal punto di vista del dinamismo, ma la tecnica è ben differente. Mette a disposizione della squadra le sue caratteristiche e va anche vicino al gol da un punto. 

Cigarini 6 - Gara di grande equilibrio per il regista, costretto a giocare molto di posizione e poco di qualità, complice l'attenggiamento della sua squadra. Dal 65' Thereau sv. 

Ionita 6 - Se c'è da correre, lui non si tira mai indietro. Avanti e indietro, più per rincorrere l'avversario che per provare la sortita offensiva. 

Padoin 5,5 - Prova molto attenta in una situazione non semplice, quella di costante uno vs uno contro Hateboer. Che lo sovrasta in occasione del vantaggio. Dal 73' Pellegrini sv. 

Birsa sv. Dal 13' Joao Pedro 6,5 - Ci mette una mezzoretta di troppo a entrare in partita, ma quando parte palla al piede è inarrestabile. 

Pavoletti 6 - Si vede poco ma quando la palla piove in area lui c'è. In generale andrebbe cercato di più dal fondo, viste la media gol di testa, ma contro Djimsiti è dura.