Pavoletti: "Voglio stare a Cagliari ancora a lungo"

di Luca Pes
Vedi letture
Foto

Leonardo Pavoletti, in collegamento con la trasmissione Tiki Taka in onda su Canale 5, ha scherzato con Pierluigi Pardo e i suoi ospiti. "Da ragazzino tifavo per il Milan - esordisce stuzzicato dalle domande del conduttore - Ricordo i soprannomi che Pellegatti dava ai giocatori rossoneri. A Napoli mi sono divertito tanto anche se ho giocato poco; con un allenatore che ama il turnover come Ancelotti forse le cose sarebbero andate diversamente".

Poi l'attestato di stima per Barella. "Nicolò sta crescendo tanto e ci permette di fare il salto di qualità. È un campioncino. Credo che ci siano molti club che lo osservano attentamente, ma è voluto rimanere a Cagliari per indossare ancora i colori della sua città e aiutare la squadra".

L'attaccante rossoblù afferma di aver trovato la giusta dimensione in Sardegna. "Cagliari è una piazza importante, c'è un progetto serio e un presidente molto ambizioso che vuole portare ancora più in alto la squadra. Io mi sento al centro dei programmi della società, sto molto bene e voglio rimanere a Cagliari ancora a lungo".

"Per noi non è stato il massimo vedere in campo le riserve della Juventus contro la SPAL - afferma Pavoletti quando gli viene chiesto un giudizio sulla partita di Ferrara - Il  problema riguarda l'intero campionato e il fatto che i bianconeri siano riusciti ad accumulare un vantaggio tale da poter tenere a riposo molti uomini nelle ultime giornate gestendo al meglio fatica e infortuni".

Pavoletti ha infine elogiato due grandi attaccanti della nostra Serie A. "Quagliarella in nazionale ci ha dato una dimostrazione favolosa, è un grande uomo e un professionista serio. Sono contento per il ritorno al gol in casa di Dzeko (non segnava all'Olimpico da quasi un anno, ndr) è un attaccante straordinario e la sua presenza fa bene al calcio italiano".