Joao Pedro, la Procura fa ricorso: entro domani la sentenza definitiva

di Federico Paparusso
articolo letto 1904 volte
Foto

(ANSA) - È attesa entro la fine della settimana la sentenza della Corte Federale d'appello chiamata a pronunciarsi sul caso del trequartista del Cagliari Joao Pedro, condannato in primo grado a sei mesi di squalifica dopo gli esiti positivi del controllo antidoping dello scorso campionato.

Questa mattina, in seguito al ricorso della Procura, che aveva chiesto quattro anni di stop, si è svolta a Roma l'udienza. E i legali delle parti hanno ripercorso la vicenda cominciata dalle analisi post partita della gara tra Sassuolo e Cagliari: il controllo aveva evidenziato la presenza di tracce di diuretico proibito. Da lì era partito il deferimento e la sospensione del giocatore brasiliano.

La tesi difensiva di Joao Pedro è stata chiara dall'inizio: assunzione accidentale e involontaria per contaminazione di integratori prescritti da uno specialista brasiliano. La Procura aveva chiesto una pena pesante, 4 anni, ma la sentenza era stata più clemente: sei mesi di stop. Proprio in questi giorni Joao Pedro, in base ai regolamenti, potrebbe nuovamente allenarsi con i compagni in attesa della fine della squalifica.

Nel frattempo il giocatore si è preparato da solo, a Cagliari, mentre la squadra era in ritiro ad Aritzo e Pejo. Oggi l'udienza in appello: il giocatore era accompagnato dall'amministratore delegato Carlo Catte e dal responsabile della comunicazione del Cagliari calcio, Alessandro Steri. Presente in aula anche il procuratore del trequartista Marco Piccioli. La decisione del tribunale potrebbe arrivare già venerdì prossimo, 3 agosto.


Altre notizie
08:00 Estasi
Venerdì 7 Dicembre
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy