David Nyathi, un All Star in tribuna

di Francesco Strazzera
articolo letto 28791 volte
Foto

Che Cagliari non fosse certo terra di conquista per i sudafricani lo si intuì già dall'approdo in rossoblù del lungagnone Eric Tinkler, 20 opache presenze nella stagione 1996-97, quella conclusasi con lo sciagurato spareggio di Napoli. Due anni dopo però, sbarca in Sardegna un altro bafana bafana, il fluidificante di spinta David Nyathi, classe 1969 e già due esperienze in Europa, una fallimentare al Tenerife e l'altra, appena sufficiente, con gli svizzeri del San Gallo. Ma nella sua nazionale, campione d'Africa nel 1996 e seconda due anni dopo, è una stella: titolare inamovibile, è anche uno dei migliori del Sud Africa a Francia '98.

Conclusosi il mondiale, David parte per il ritiro rossoblù a Riscone di Brunico coi migliori propositi: ”Mi presento al calcio italiano a 29 anni, nel pieno della mia maturità: non mi lascerò sfuggire l'occasione. Nei tre anni con il Cagliari voglio stupire tutti, poi mi ritirerò a Città del Capo, per godermi le splendide spiagge”. Se le godrà molto prima. Nelle amichevoli pre-campionato non brilla, ma gioca sempre più di Macellari, con cui dovrebbe contendersi la fascia mancina. Ma comincia il campionato e il tecnico, all'epoca Giampiero Ventura, lo utilizzerà sempre meno. Si parla di problemi di adattamento alle nuova realtà italiana, lingua in primis (anche se l'altro africano Mboma, tempo due mesi e sapeva già perfettamente proferire il verbo italico).

E mentre al Sant'Elia comincia a frequentare assiduamente la tribuna, il 16 dicembre è all'Olimpico con la Nazionale All Stars, quella di Zidane e Ronaldo per intenderci. In campionato il terzino nativo di Shatale collezionerà appena 6 presenze. La stagione successiva è convocato per il ritiro estivo, ma non si presenta. Finisce così la storia tra David Nyathi e il Cagliari. Il desaparecido, abbandonata la Sardegna, si accasa all'Ankaragucu, in Turchia. Accantonato anche dalla sua nazionale, dopo appena sei mesi appende le scarpette al chiodo e ritorna in patria. É rimasto nel mondo del calcio, come allenatore di giovani e come commentatore, assieme all'ex laziale Mark Fish, delle partite di Champions League per l'emittente televisiva TVSA.

 


Utilizzo dei Cookie
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

CHIUDI