Una partita, tanti ricordi: Melis-show asfalta il Crotone

di Giancarlo Cornacchia
articolo letto 2123 volte
Foto

Ennesima rivoluzione di Massimo Cellino dopo la disastrosa retrocessione della stagione 99/00. Il neo allenatore Gianfranco Bellotto si presenta ai nastri di partenza del nuovo campionato con l'importante compito di riportare il Cagliari in serie A ed il presidente rossoblu gli affida una squadra con elementi di spessore come Cammarata, Buso, Lucenti, Fontolan. Il primo ostacolo è la matricola Crotone, che arriva al Sant'Elia contro i galloni di dominatrice del precedente campionato atomico di serie C1/B. I sardi sono nettamente superiori e non impiegano tanto a farlo capire agli avversari: al 20' è già goal per Fabrizio Cammarata che sfrutta una copertura della palla disastrosa di Pecorari ed infila Sassanelli  in uscita. Dieci minuti più tardi lo stesso portiere avversario stende sempre Cammarata all'esterno dell'area e l'arbitro Pieri lo espelle. In dieci uomini già al 30' contro un avversario in palla, il Crotone alza già bandiera bianca. Qualche minuto prima della fine del primo tempo è Giorgio Lucenti a mettere al centro un invitante pallone sulla quale si tuffa Giovanni Sulcis: è 2-0. Nella ripresa arriva lo show di Emiliano Melis che realizza una doppietta nel primo quarto d'ora: il primo è un autentico regalo della difesa avversaria che lo lascia praticamente solo su intelligente torre ancora di Cammarata,  consentendogli un facile controllo e la conclusione al volo di sinistro, mentre è da applausi la rasoiata dal limite direttamente da calcio di punizione. "Matteo (Villa)! Non voglio prendere goal!", grida Bellomo al suo capitano nonostante il risultato sia già fissato sul 4-0 . Purtroppo per lui e per il suo Cagliari ci sarà tanto tempo per prendere goal che porteranno Cellino a dargli il benservito dopo alcuni mesi e la squadra che nonostante il buon organico a disposizione non riuscira' a conquistare la promozione.

 


Utilizzo dei Cookie
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

CHIUDI